Avviso del Commissario Straordinario per far fronte alle eccezionali esigenze connesse all’accoglienza dei cittadini ucraini in arrivo e/o presenti sul territorio comunale in conseguenza del conflitto bellico in atto in Ucraina.

per far fronte alle eccezionali esigenze connesse all’accoglienza dei cittadini ucraini in arrivo e/o presenti sul territorio comunale in conseguenza del conflitto bellico in atto in Ucraina.

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

Considerata la necessità di far fronte alle eccezionali esigenze connesse all’accoglienza dei cittadini ucraini in arrivo e/o presenti sul territorio comunale in conseguenza del conflitto bellico in atto in Ucraina;

Vista la Circolare della Prefettura di Messina del 09.03.2022;

Ritenuto di dover adempiere a specifico mandato in merito alla presenza sul territorio comunale di cittadini provenienti dall’Ucraina giunti in ordine sparso, accolti da familiari o conoscenti e tramite associazioni che organizzano arrivi programmati

A V V I S A

Che i cittadini ucraini hanno l’obbligo di recarsi presso lo Sportello di Segretariato Sociale, istituito presso gli uffici del Dipartimento Servizi alla Persona e alle Imprese Servizio Sociale Professionale sito in Piazza della Repubblica, Palazzo Satellite piano terra, “Centro mai più ultimi” aperto da lunedì a venerdì dalle ore 9:00 alle ore 16:00, affinchè questo Ente possa raccogliere dati personali, specifici bisogni e fornire le necessarie informazioni anche in merito alle misure di controllo e profilassi sanitaria oltre all’offerta dei servizi sociali e sanitari territoriali.
Per informazioni contattare lo 090 7723310 – 3311 ore di apertura sportello o acquisite al sito ufficiale del Comune di Messina www.comune.messina.it.

Gli elenchi dei cittadini registrati, saranno trasmessi alla Prefettura di Messina, alla Questura di Messina e al Direttore del Distretto Sanitario dell’Asp Messina.

Nel caso di presenza o segnalazione di minori ucraini non accompagnati, questo Ente, provvederà a segnalare la presenza alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni, informando tra l’altro anche la Prefettura di Messina e la Questura di Messina.

Allegati