Borse Lavoro 2019

Borse Lavoro nel Settore Tutela e Conservazione dell’Ambiente

IL SINDACO

Al fine di sostenere, con interventi di integrazione al reddito, disoccupati che versano in particolari condizioni di disagio economico,di esclusione sociale o fragilità sociale, come la scarsa scolarizzazione, un curriculum formativo – professionale non qualificato, l’appartenenza a gruppi “particolari” che per situazioni oggettive si trovano in situazioni di svantaggio e/o di disabilità e/o per le donne che hanno subito violenze, al fine di offrire pari opportunità nell’accesso ai servizi, alle informazioni, alla socializzazione ed all’ orientamento e all’inclusione lavorativa, purché idonei allo svolgimento di una attività lavorativa

RENDE NOTO

Il Comune ha programmato un progetto finalizzato alla promozione e valorizzazione della dignità della persona in difficoltà, favorendone l’integrazione sociale attraverso le “Borse Lavoro nel settore della tutela e conservazione dell’ambiente”.

Il progetto vuole superare il mero assistenzialismo e promuovere esperienze di lavoro, al fine di stimolare le potenzialità lavorative di coloro che versano in uno stato di difficoltà dovuta all’assenza di occupazione e di esclusione sociale.

Le singole borse lavoro avranno la durata di mesi 3 dalla loro attivazione e prevedranno per ciascun beneficiario un impegno settimanale di 20 ore svolto su sei giorni, per complessive 80 ore mensili, da effettuarsi in attività lavorativa specifica presso la Società Messinaservizi Bene Comune S.p.A., tenuto conto delle singole capacità/attitudini del soggetto e della risposta territoriale. Non si possono superare 6 ore giornaliere e 20 ore settimanali.

A ciascun beneficiario sarà garantita la copertura assicurativa nonché un assegno pari ad € 415,00 (Euro quattrocentoquindici/00) netti mensili.

A ciascun beneficiario verrà assegnato un tutor di riferimento individuato dalla Società Messinaservizi Bene Comune S.p.A. cui spetta il compito di predisporre un progetto individuale, seguendone lo sviluppo e la realizzazione, nonché redigere la valutazione finale del percorso lavorativo/formativo.

Brevi assenze (inferiori al mese) per malattia, anche se ripetute, non determinano l’interruzione dell’erogazione.

Ogni arbitraria sospensione del progetto o interruzione dovuta a qualsiasi motivo purché di durata superiore a trenta giorni, determina una corrispondente riduzione o interruzione dell’incentivo economico.

Il progetto borse lavoro non determina l’instaurazione di alcun rapporto di lavoro con l’Ente ospitante; il beneficiario non acquisisce, pertanto, alcun diritto né economico, né giuridico, né pensionistico.

Il progetto borse lavoro non comporta in alcun modo il diritto all’assunzione presso la Società Messinaservizi Bene Comune S.p.A.  o presso il Comune.

L’incentivo viene erogato esclusivamente a titolo di sostegno al reddito e contribuisce ad un possibile inserimento lavorativo.

Il lavoratore verrà assegnato all’espletamento di una attività tenendo conto, ove possibile, delle sue inclinazioni o attitudini, dei lavori precedentemente svolti e delle indicazioni fornite dal soggetto durante il colloquio.

Saranno considerati rinunciatari al progetto borse lavoro coloro i quali non dovessero presentarsi alla convocazione senza darne comunicazione all’ ufficio competente.

 

DESTINATARI

Possono presentare domanda di accesso alle borse lavoro soggetti di ambo i sessi, residente nel Comune di Messina, in possesso dei requisiti di seguito elencati:

  1. età compresa tra i 18 e 65 anni che non abbiano maturato il diritto alla pensione di anzianità o di vecchiaia;
  2. residenza anagrafica nel Comune di Messina, in forza lavoro, appartenenti a famiglie che vivono condizioni di indigenza/disagio/fragilità sociale che sono gravate da particolari problematiche sociali.
  3. disoccupati/inoccupati;
  4. idoneità fisica a svolgere mansioni inerenti alla tipologia richiesta;
  5. non essere in NASPI o fruire del “Reddito di inclusione” (REI), ivi incluso familiari a carico;
  6. Idoneità allo svolgimento delle attività previste (possesso dei requisiti psicofisici per espletare le attività previste);
  7. reddito non superiore a € 8.370,18 (calcolo quale pensione minima INPS inclusa la maggiorazione sociale, per lavoratori dipendenti per l’anno 2018)

 

Per ogni nucleo familiare potrà beneficiare dell’ammissione alla borsa lavoro un solo componente.

Sono esclusi dalla partecipazione i cittadini che alla data di pubblicazione dell’Avviso si trovino in una delle seguenti condizioni:

  • Donne in stato di gravidanza;
  • Persone iscritte a corsi per l’assolvimento dell’obblighi scolastico;
  • Persone iscritte a corsi di formazione professionale;
  • Persone impegnate in progetti di servizio civile;
  • Persone che fruiscono di un trattamento pensionistico che superi il minimo previsto per l’invalidità
  • Persone con disabilità grave tale da non consentire lo svolgimento di attività lavorative;
  • Persone che fruiscono del “Reddito di inclusione” (REI) e/o con l’indennità di disoccupazione Naspi.

 

Al fine di partecipare alla selezione, ciascun candidato dovrà presentare apposita domanda dalla quale dovrà risultare:

  1. importo del reddito ISEE riferito all’anno precedente (anno 2018);
  2. attestazione circa la composizione del proprio nucleo familiare ed eventuale presenza di minori a carico;
  3. attestante il recepimento o meno di eventuali interventi economici, assistenziali (pensione sociale, di accompagnamento, rendita INAIL, eventuali contributi economici a carattere ordinario, straordinario o continuativo erogati dal Comune, dalla Provincia, dalla Regione o dallo Stato);
  4. attestazione dell’eventuale attività lavorativa o altre situazioni problematiche;
  5. attestazione circa l’idoneità fisica a svolgere mansioni inerenti alla tipologia di attività richiesta;
  6. attestazione circa la presenza nel nucleo familiare di soggetti con handicap permanente grave o invalidità superiore al 66 %, ivi incluso minori, secondo certificazione rilasciata dalla competente autorità sanitaria;
  7. attestazione gli anni di disoccupazione o inoccupazione;
  8. attestazione circa la presenza di minori tra 0 e 18 anni non compiuti all’atto di pubblicazione del presente Avviso;
  9. attestazione circa la presenza di persona ex detenuta all’interno del nucleo familiare;

 

La domanda andrà compilata esclusivamente on line con allegati:

  • copia fotostatica del documento di identità personale, in corso di validità
  • codice fiscale
  • documentazione relativa all’eventuale diritto di riserva previsto dal presente bando

La domanda, pena l’esclusione, potrà essere presentata da un solo componente dello stesso nucleo familiare.

Il modello è disponibile sul sito del Comune al seguente link https://comune.messina.it/d-politiche-sociali/borse-lavoro/

 

LUOGHI DI SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA’

Gli assegnatari saranno impegnati in ambito comunale nei servizi del settore tutela e conservazione dell’ambiente di igiene ambientale gestiti dalla Società Messinaservizi Bene Comune S.p.A. e più precisamente:

a) Spazzamento Manuale,

b) Pulizia del centro abitato,

c) Pulizia delle spiagge

 

Spazzamento Manuale

Il borsista dovrà provvedere, in collaborazione con i tutor messi a disposizione da Messinaservizi Bene Comune S.p.A., alla pulizia delle aree del centro urbano, mediante attività di spazzamento manuale, svuotamento cestini, asportazione del fogliame, etc.

Pulizia del centro abitato:

Il borsista dovrà provvedere, in collaborazione con i tutor messi a disposizione da Messinaservizi Bene Comune S.p.A., alla raccolta dei rifiuti, mediante attività di raccolta manuale, etc.

Pulizia delle spiagge

Il borsista dovrà provvedere, in collaborazione con i tutor messi a disposizione da Messinaservizi Bene Comune S.p.A., alla manutenzione degli arenili mediante raccolta a mano di rifiuti e svuotamento dei cestini.

 

FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA

Nella predisposizione della graduatoria si terrà conto dei criteri appresso indicati:

Al termine prefissato per l’accettazione della domanda, sarà redatta la graduatoria, da determinarsi in base ai seguenti criteri:

A. Composizione nucleo familiare
Persona che vive da sola Punti 2
Nucleo monogenitoriale Punti 3
Nucleo familiare con presenza di soggetti con handicap permanente grave o invalidità superiore al 66&, secondo certificazione rilasciata dalla competente autorità sanitaria. Soggetto con handicap grave:punti 1

Soggetto con handicap minore: punti 2

Per ogni componente del nucleo familiare Fino a 4 persone: Punti 1

Da 5 a 7 persone: Punti 2

Oltre 7: Punti 3

Per ogni componente del nucleo familiare di età compresa tra 0 e 18 anni non compiuti all’atto di pubblicazione del presente Avviso Figli minori sino a 1: Punti 1

Sino a 3: Punti 2

Oltre 3: Punti 3

Presenza di persone ex detenute all’interno del nucleo familiare Per ogni ex detenuto: Punti 0,5, sino a punti 1

 

B. Condizione economica della persona:
Stato della disoccupazione/inoccupazione • da 6 a 12 mesi: punti 0,50

• da 12 a 24 mesi: punti 1

• da oltre 24 mesi: punti 2

Reddito ISEE
Da € 0 ad € 2.999,00 punti 8
Da 3.000,00 a 4.999,00 punti 6
Da 5.000,00 a 5.999,00 punti 5
Da 6.000,00 a 7.999,00 Punti 3
Oltre 8.000,00 Punti 1

 

A parità di punteggio la graduatoria viene stabilita dai seguenti criteri di priorità:

  • richiedente più giovane di età
  • richiedente con maggiori componenti minori nello stesso stato di famiglia

 

Se dalla graduatoria formulata e dopo aver applicato tutti i criteri innanzi riportati permane ancora una situazione di parità di punteggio si darà precedenza al beneficiario con reddito ISEE minore.

Per garantire una equa distribuzione di tale opportunità nelle varie fasce di bisogno sociale, fermo restando i criteri reddituali e oggettivi sopra esposti, è prevista una riserva per n. 10 donne vittime di violenza. 

Tali donne dovranno allegare alla domanda il certificato rilasciato dai centri antiviolenza o dalle Case Rifugio di cui all’articolo 5 – bis, decreto legge 14 agosto 2013, n. 93 convertito con modificazioni dalla legge 15 ottobre 2013, n. 119.

In caso di interruzione a qualsiasi titolo della “borsa lavoro” assegnata, essa potrà essere utilizzata per costituire una nuova “borsa lavoro” esclusivamente per il periodo rimanente durante il quale sarà inserito un nuovo beneficiario seguendo l’ordine tassativo della graduatoria e previa verifica dei requisiti.

Il Comune verificate le domande di partecipazione regolarmente pervenute ed accertato il possesso dei requisiti da parte dei richiedenti, redigerà le graduatorie dei soggetti da ammettere alle borse lavoro da pubblicare all’Albo pretorio del Comune e nel sito istituzionale, entro 30 giorni dal termine ultimo di presentazione. Nei successivi gg. 10 dalla pubblicazione della graduatoria potranno essere presentate dagli interessati osservazioni o richieste di rettifica per eventuali errori materiali. Decorso tale termine ed effettuate nei successivi 10 gg. le rettifiche in accoglimento delle osservazioni o richieste di correzione pervenute, la graduatoria diventa definitiva.

La graduatoria, secondo i criteri stabiliti dal presente Avviso, sarà predisposta da una Commissione interna all’Ente.

Per garantire una equa distribuzione di tale opportunità nelle varie fasce di bisogno sociale, fermo restando i criteri reddituali e oggettivi sopra esposti, è prevista una riserva per n. 10 donne vittime di violenza. 

Le borse lavoro oggetto di riserva, non coperta dai relativi beneficiari, verranno attribuite secondo l’ordine di graduatoria, nei limiti dello stanziamento di bilancio.

TERMINI E MODALITA’ DI PARTECIPAZIONE

Gli interessati, potranno presentare la domanda, corredata dalla documentazione prevista, esclusivamente on line, accedendo al sito istituzionale del Comune al seguente link: https://comune.messina.it/d-politiche-sociali/borse-lavoro/

 

La domanda dovrà essere stampata, firmata e consegnata per la protocollazione (allegando, i documenti richiesti dal presente avviso, a pena di esclusione) alle Sedi Circoscrizionali o all’URP della sede municipale di Palazzo Zanca o al Front Office del Dipartimento Politiche Sociali di Piazza della Repubblica n. 40.

La domanda dovrà pervenire, pena l’esclusione, entro e non oltre il termine perentorio di giorni 10 dalla data di pubblicazione del presente avviso, e cioè entro il 15 maggio 2019, ore 12.00.

Saranno escluse le domande presentate oltre il predetto termine.

 

I candidati potranno rivolgersi gratuitamente, altresì, alle sedi Circoscrizionali o all’URP della sede municipale di Palazzo Zanca o al Front Office del Dipartimento Politiche Sociali di Piazza della Repubblica n. 40, che potranno fornire ogni utile assistenza, collaborazione e facilitazione per la compilazione della domanda on line. Saranno ritenute valide per la graduatoria, esclusivamente le domande compilate in formato online.

Le dichiarazioni rese dagli interessati, ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 28/12/2000, n. 445, utilmente collocati in graduatoria saranno oggetto di verifiche e controlli diretti ad accertare la veridicità delle informazioni fornite. In caso di dichiarazioni mendaci i beneficiari, oltre ad incorrere nelle sanzioni penali previste dalle leggi vigenti, sono tenuti alla restituzione delle somme indebitamente percepite che il Comune riutilizza per gli stessi fini.

 

Ai sensi del D.lgs. 30 giugno 2003 n. 196, e successive modifiche ed integrazioni, si informa che:

  1. Il trattamento dei dati personali dei soggetti richiedenti è finalizzato unicamente alla stesura di una graduatoria per l’eventuale successivo avvio delle borse lavoro;
  2. il trattamento dei dati sarà effettuato dal Dipartimento Politiche Sociali del Comune di Messina con sede Piazza della Repubblica, n. 40 nei limiti necessari a perseguire le sopra citate finalità con modalità e strumenti idonei a garantire la sicurezza e la riservatezza dei richiedenti;
  3. i dati potranno essere comunicati o portati a conoscenza dei responsabili o incaricati o di dipendenti coinvolti a vario titolo con la procedura in essere;
  4. il trattamento dei dati è obbligatorio per la stesura della graduatoria; il diniego al trattamento comporterà il mancato inserimento nella graduatoria e la conseguenziale esclusione dai benefici previsti dall’ AVVISO PUBBLICO;
  5. all’ interessato sono riconosciuti i diritti di cui all’art.7 della legge 196/2003 “Codice in materia di dati personali”.

La Società Messinaservizi Bene Comune S.p.A.  provvederà ad assicurare gli addetti sia contro gli infortuni che dovessero subire durante l’ attività, sia per la responsabilità civile verso terzi.

 

REVOCA E RINUNCIA

La Società Messinaservizi Bene Comune S.p.A può revocare in qualsiasi momento gli interventi in oggetto ed il conseguente contributi , con decorrenza dal verificarsi dell’evento, per:

– gravi inosservanze nell’esecuzione del progetto di lavoro stabilito;

– comportamenti dell’utente inadeguati negligenti e/o non rispettosi delle regole;

– rifiuto dell’utente di iniziare o proseguire l ‘attività.

La Società Messinaservizi Bene Comune S.p.A darà comunicazione tempestiva al Dipartimento Politiche Sociali.

Per gli stessi motivi è consentito anche all’Amministrazione Comunale rinunciare all’intervento in oggetto, a seguito di confronto con la Società Messinaservizi Bene Comune S.p.A.

L’ intervento potrà infine concludersi a seguito di rinuncia scritta dell’interessato a seguito di un confronto con gli operatori referenti del progetto di inserimento in borsa lavoro.

In tutte queste ipotesi l’ammontare del sussidio spettante all’utente verrà quantificato in base ai giorni di effettiva presenza lavorativa.

Al richiedente non potranno essere concessi contributi economici qualora la borsa lavoro sia stata revocata per causa a lui imputabile o vi abbia rinunciato senza giustificati motivi, per 12 mesi dalla revoca o rinuncia.

Allegati