Comunicati stampa di venerdì 11 Giugno 2021


Comunicato n. 622
venerdì, 11 Giugno 2021

“In questa città talvolta accadono cose incredibili – scrive in una nota l’Assessore alle Politiche del Mare e ai Beni Demaniali Marittimi e Fluviali Dafne Musolino – alle quali difficilmente si può fornire una spiegazione che non cozzi irrimediabilmente con la ragione e con il rispetto delle leggi.
E sempre in questa città, ad esempio, può accadere, è accaduto, che un cosiddetto imprenditore che mal tollera che gli uffici non accordino un immediato provvedimento favorevole alle sue istanze, decida di aggredire brutalmente un funzionario comunale mentre è in servizio, causandogli ferite con una prognosi di oltre i 30 giorni. E può accadere anche che, di fronte a simili gesti di inaccettabile violenza, ci sia chi dichiari che la colpa è del Sindaco De Luca che si batte contro il lassismo di certi rami della pubblica amministrazione, invece di esecrare la violenza brutale di cui questo imprenditore si è reso responsabile. Ma ancora, può accadere addirittura che lo stesso imprenditore, due giorni dopo l’aggressione, trasmetta una dichiarazione di quattro pagine alla stampa e che qualche testata on-line diffonda questa nota in versione integrale ma celando ai lettori l’identità del suo autore.
Chiariamo subito che le testate on-line che hanno inteso pubblicare la detta nota, dell’imprenditore senza pubblicare il nome del suo autore, si assumeranno la titolarità degli scritti e la responsabilità di quanto dichiarato, sia nelle sedi civili e penali che in sede disciplinare, alla quale ci rivolgeremo per la violazione degli elementari principi di deontologia professionale, primo fra tutti il dovere di verità e di correttezza dell’informazione. Pubblicare una nota stampa senza consentire di conoscere chi ne sia l’autore al quale chiedere conto delle dichiarazioni rese è grave sia dal punto di vista deontologico, che dal punto di vista della responsabilità di quanto viene diffuso.
I fatti narrati nella nota diffusa stamattina lascerebbero intendere che vi sia stata una volontà da parte degli uffici dell’Amministrazione di denegare un provvedimento legittimo, dilatando i tempi dell’esame della pratica con richieste di integrazioni documentali che sarebbero ingiustificate o peggio frutto della volontà di recare danno al richiedente. In sostanza si vuole sostenere il funzionario aggredito aveva ragioni di natura personale per rifiutare il provvedimento richiesto (un permesso di costruire) e che l’aggressione sarebbe stata originata da tali immotivati rifiuti.
Nell’esprimere e confermare la stima nei confronti del dipendente aggredito che si è sempre distinto per la correttezza del suo operato e per la disponibilità nei confronti dell’utenza, lasciamo che sia lui stesso – evidenzia l’Assessore – a rispondere alle dichiarazioni gravemente diffamatorie contenute nella nota stampa, che condanniamo senza riserve. L’esame degli atti del fascicolo però consente di mettere in evidenza una serie di circostanze che non possono essere trascurate e che difatti gli Uffici stavano verificando. Va chiarito innanzitutto che l’imprenditore aveva avanzato richiesta, nel mese di febbraio 2021, di rilascio di un permesso di costruire e l’Ufficio Urbanistica stava istruendo la pratica ma in tale attività di verifica emergevano una serie di fatti che richiedevano un approfondimento.
Innanzitutto va spiegato che la concessione rilasciata dal Demanio nell’anno 2020 (ma richiesta nel 2017) è di carattere stagionale (cioè con validità dall’1 aprile al 31 ottobre) e che la stessa è stata rilasciata su un’area che risulta in contrasto con il PUDM approvato con la delibera di G.M. n. 710 del 4.11.2019 e anche con la versione del PUDM rielaborato a seguito delle osservazioni formulate dallo stesso Demanio e che ha avuto parere favorevole della STA con nota prot. n. 11456 del 25.02.2021.
Dunque si tratta di una concessione demaniale che non risulta nelle cartografie del PUDM.
Come se non bastasse, nell’istanza di concessione demaniale il tecnico dichiarava che l’area oggetto di concessione non era sottoposta ad alcun vincolo, neppure idrogeologico, e invece la detta area risulta sottoposta a vincolo P.A.I. P4, cioè è classificata come area a pericolosità molto elevata.
Infine, ma non meno importante, è balzato agli occhi dell’ufficio un ulteriore fatto: come mai l’imprenditore chiedeva un permesso di costruire per una concessione demaniale per la quale tale tipo di permesso non può essere rilasciato? Di fronte a questi rilievi l’ufficio ha attivato i suoi controlli, doverosi ed indefettibili e con l’ultima nota dell’8 giugno 2021 (il giorno prima dell’aggressione quindi) ha chiesto al Demanio di chiarire se, ai fini del rilascio della concessione, era stata fatta la previa verifica di compatibilità dal punto di vista idrogeologico. Risulta dunque evidente che non vi è stata alcuna volontà dilatoria e tanto meno un tentativo di ritorsione o di esasperazione delle istanze del cittadino. Al contrario, è evidente che l’ufficio ha attivato quei controlli necessari ad evitare che sul litorale marittimo continuino a perpetrarsi scempi e abusi, come quelli che per anni sono stati praticati o per la connivente volontà degli uffici che avrebbero dovuto controllare e non l’hanno fatto, o con l’indifferenza di coloro che hanno assistito per decenni alla costruzione di manufatti sul Demanio marittimo consegnandoci adesso un litorale sfigurato da edificazioni selvagge, spesso a ridosso della linea di costa, prive di scarichi fognari immettendo i liquami in mare o disperdendoli nel suolo, che inquinano e deturpano l’ambiente e la bellezza naturale dei luoghi. Quanto poi alle accuse nei confronti del Sindaco, si respingono tutte al mittente: fin dall’insediamento la Giunta De Luca si è distinta per una costante ed efficace campagna di controlli delle attività balneari che sono state sottoposte tutte, ogni anno, a controlli dal punto di vista della regolarità e conformità della concessione, delle licenze commerciali, del rispetto della normativa sanitaria e di igiene dei luoghi e del corretto conferimento dei rifiuti. I controlli hanno consentito di fare cessare attività che erano praticate in assenza di titolo (ricordate il famoso lido di Marmora posto sotto sequestro?) e di regolare le attività balneari che vengono quasi sempre associate ad attività di altro tipo (ristorazione, intrattenimento danzante, etc.) dalle quali i concessionari hanno diritto a trarre beneficio economico a condizione che siano rispettate tutte le leggi. Infine, solo per completezza, chiariamo che a questo imprenditore non è stato negato l’accesso agli atti, anzi l’Assessore Salvatore Mondello ha immediatamente indirizzato l’istanza all’ufficio competente affinché venisse dato riscontro. Allo stesso modo, a questo imprenditore non è mai stata negata la risposta, anche se informale, sullo stato della pratica, fornendo un chiarimento sull’attività che veniva svolta ma senza mai entrare nel merito dei controlli eseguiti perché di competenza esclusiva degli uffici. I cittadini meritano rispose e meritano che le risposte vengano fornite tempestivamente, ma ciò non consente a nessuno – conclude la nota – di pretendere il rilascio di un provvedimento se quel provvedimento non è assistito da tutti i necessari controlli e dalle opportune verifiche a tutela dell’interesse pubblico e di quello di tutta la comunità alla tutela ambientale e paesaggistica”.

Comunicato n. 621
venerdì, 11 Giugno 2021

Domani, sabato 12, alle ore 10.30, nel Santuario della Madonna di Montalto, sarà celebrato il solenne Pontificale, in onore della protettrice speciale della città, presieduto dal parroco del Santuario padre Lorenzo Campagna. Nel corso della cerimonia, per antica tradizione, il Sindaco della città di Messina Cateno De Luca offrirà il Cero Votivo, secondo il decreto del Senato della Città, risalente al 1743, cui seguirà l’annuale Festa della Colomba. L’intervento della Madonna di Montalto – apparsa come una “Dama Bianca” – valse a salvare la città dall’assedio dei Saraceni e degli Angioini durante la guerra del Vespro del 1282. La notizia della prodigiosa apparizione della “colomba” sulla Caperrina è stata trasmessa da una pia tradizione. “Fra Nicola”, un eremita del Terz’Ordine di San Domenico, che viveva in una cella presso il Colle, aveva avuto una visione nel giugno del 1294, la Madonna, che era stata vista sulle mura della città in difesa dei messinesi durante l’assedio angioino, che gli ordinò di convocare i Maggiorenti perché si trovassero a mezzogiorno sulla spianata della Caperrina per indicare loro il sito dove i messinesi avrebbe dovuto costruire una chiesa, a Lei dedicata, con il titolo di Santa Maria dell’Alto. Non fu difficile per il frate convincere il vescovo, il Senato della città, il clero ed i cittadini, i quali, all’ora fissata, videro apparire sulla spianata del Colle della Caperrina una “bianca colomba” che, volando lentamente, designò il luogo per la costruzione della chiesa. La regina Costanza, informata, venne in corteo a porre la prima pietra. In meno di un anno il Santuario era, nelle linee essenziali, ultimato ed aperto al culto. Il 9 gennaio 1295 il Senato aveva affidato in custodia il Santuario alle Monache Cistercensi perché lo tenessero e lo possedessero per parte e a nome dell’Università. Il 31 ottobre 1302, il Notaio Gavido De Perpetto stipulò il contratto di donazione irrevocabile a Suor Giovanna, abadessa del Monastero del Santuario, con tutti i diritti e pertinenze. Dal 1612, per iniziativa dell’abadessa Suor Flavia Merullo, fu scelto il 12 giugno per la Festa, detta “della Colomba” per il “segno” promesso dalla Bianca Signora che chiese la costruzione del Santuario. Date memorabili rimangono la Vittoria di Lepanto, perché in Montalto si salì a pregare e si ritornò a ringraziare la Beata Vergine; la cessazione della peste del 1743, dopo le accorate preghiere qui elevate alla Vergine; la ricostruzione di Messina dopo il terremoto del 1908, per la Baracca – Santuario regalata da S. Pio X quale “segno “propiziatorio” posto per la corale preghiera dei messinesi con Maria alla Divina Provvidenza. Il colle della Caperrina è diventato il centro della devozione mariana più importante per Messina e Diocesi. Lo storico orologio del Campanile del Duomo rievoca il prodigioso evento alla memoria della città e dei turisti, con una raffigurazione nella terza finestra (dal basso) nella quale, dalla roccia, sorge la chiesa di Montalto.

Comunicato n. 620
venerdì, 11 Giugno 2021

Davanti al Sindaco Cateno De Luca hanno prestato giuramento oggi pomeriggio a Palazzo Zanca, i 52 dipendenti di ATM SpA, ai quali con Decreto Sindacale N. 33 del 28 maggio 2021 sono state conferite le funzioni di prevenzione e accertamento in materia di sosta, ai sensi dell’art.12 bis del decreto legislativo n. 285 del 30 aprile 1992. Alla cerimonia hanno preso parte gli Assessori con delega alla Polizia Municipale Dafne Musolino e ai Rapporti con ATM SpA Francesco Gallo; il presidente di ATM SpA Giuseppe Campagna e i componenti il CdA Loredana Pagano e Salvatore Ingegneri; ed il Comandante Vicario della Polizia Municipale commissario Giovanni Giardina.

In apertura dell’incontro, le unità di personale nominate hanno letto la formula di giuramento secondo le disposizioni legislative. Il Presidente Campagna nel ringraziarli, per non avere fatto mancare la loro collaborazione, ha ricordato le varie tappe del percorso avviato dall’Azienda che li ha condotti ad essere impiegati con un contratto di lavoro a tempo pieno e indeterminato, a distanza di 15 anni dalla loro prima contrattualizzazione. Il presidente Campagna ha rivolto poi un ringraziamento all’Amministrazione comunale per avere attribuito ad ATM ulteriori servizi, quale quello di rimozione forzata dei veicoli.


Il Sindaco De Luca ha proseguito sottolineando l’importanza del compito che i 52 dipendenti si apprestano a svolgere perché “Questa di oggi è una scommessa di rilancio per giungere alla realizzazione dell’Agenzia di Mobilità. Chiedo – ha detto il Sindaco – il rispetto delle parti, ogni lavoro con i suoi rischi necessita di impegno e dedizione. L’obiettivo di queste funzioni che vi sono state conferite relative alle procedure di accertamento e attività sanzionatorie è quello di realizzare, in conformità alle direttive del nostro Servizio Operativo Territoriale della Polizia Municipale, un efficace apparato di monitoraggio e controllo del territorio comunale per migliorare le azioni preventive, atte a promuovere il rispetto della legalità con particolare riguardo a contrastare il fenomeno della sosta selvaggia al fine di conseguire una ordinata e civile convivenza nel settore della circolazione stradale.

Quello del contrasto alla sosta selvaggia è un obiettivo importante, poiché spesso a causa di macchine parcheggiate in ogni dove, incuranti degli ostacoli che rappresentano creano intralci e disagi, alla circolazione o addirittura anche il blocco dei mezzi pubblici. Auspico che l’introduzione di queste nuove figure di controllo – ha concluso il Sindaco De Luca – possano contribuire ad maggiore senso civico dei cittadini nel rispettare le regole del Codice della strada al fine di garantire migliori condizioni di vivibilità alla comunità locale”.

Comunicato n. 619
venerdì, 11 Giugno 2021

Il Sindaco Cateno De Luca, presente l’Assessore con delega alla Polizia Municipale Dafne Musolino, ha ricevuto oggi pomeriggio a Palazzo Zanca in visita istituzionale il dott. Gennaro Capoluongo, nuovo Questore di Messina insediatosi lo scorso primo giugno, accompagnato dal Dirigente Digos di Messina Vinzy Siracusano. Il Dirigente Superiore della Polizia di Stato, campano di nascita, esperto di crimine transnazionale e membro del Comitato europeo Interpol ha infatti ricoperto diversi incarichi internazionali tra i quali, la direzione del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia presso la Direzione Centrale della Polizia Criminale. La visita è stata l’occasione per uno scambio proficuo di idee nell’ottica di una collaborazione tra l’Ente e le Forze dell’Ordine al fine di promuovere tra la cittadinanza il rispetto della legalità e la corretta educazione civica. “Per il raggiungimento di questi obiettivi che rientrano nel programma e nell’impegno di questa Amministrazione – ha detto il Sindaco – è indispensabile potenziare le azioni di controllo per la sicurezza del nostro territorio. A tal fine, auspichiamo che attraverso attività sinergiche e di collaborazione con le Forze di Polizia è possibile contrastare fenomeni di microcriminalità, salvaguardare i beni comuni, e mettere in atto, come già avviati, programmi di inclusione sociale e sicurezza per migliorare la qualità della vita dei cittadini e la loro incolumità”.

Sulla stessa linea, il Questore ha ribadito quanto già evidenziato nel giorno del suo insediamento “Mi definisco un questore tra la gente, la sicurezza oggi deve essere condivisa con le persone su cui la Polizia vigila e esercita i servizi di sicurezza pubblica con il coinvolgimento di tutti gli enti territoriali, al fine di sensibilizzare la cittadinanza al rispetto delle regole di convivenza civile. Mi auguro che ci possa essere grande collaborazione”, ha concluso il Questore.
Al termine dell’incontro il Sindaco ha donato all’Alto Dirigente il crest con lo stemma civico della città di Messina ed il volume “Viaggiatori a Messina. Diari, spunti e noterelle di visitatori della città del Peloro” di Felice Irrera.

Comunicato n. 618
venerdì, 11 Giugno 2021

Senzatetto, senza fissa dimora, fasce deboli della popolazione, migranti, ospiti dei centri accoglienza oggi, venerdì 11, potranno ricevere il vaccino nella struttura “Mai più ultimi” al Palazzo Satellite, accanto alla Stazione Centrale, senza prenotazione e sino alle ore 22. Un’iniziativa proposta dall’Ufficio guidato dal Commissario Covid di Messina Alberto Firenze e condivisa dal Comune, rappresentato dagli Assessori alle Politiche Sociali Alessandra Calafiore e all’Emergenza Covid Dafne Musolino, con il prezioso supporto di numerose associazioni di volontariato del territorio. Saranno circa 200 le persone meno abbienti pronte a ricevere la somministrazione e per maggiore comodità è stato previsto il vaccino Janssen, che ha un’unica dose, per evitare di dover tornare una seconda volta.

“Ho convocato il tavolo della povertà – ha evidenziato l’Assessore Calafiore – con l’obiettivo di coinvolgere al massimo tutte le organizzazioni e i volontari presenti nella Città di Messina per raggiungere i bisognosi e dare loro la possibilità di tutelare la propria salute attraverso il vaccino. Il centro scelto, presente a Palazzo Satellite, rientra in un progetto ancora più ampio di aiuto e supporto alle fasce più deboli della popolazione che, a causa della pandemia, hanno vissuto un periodo particolarmente drammatico. Il Comune di Messina fin dall’inizio è stato vicino a questa parte della comunità e continua a farlo anche in occasione della campagna vaccinale”.
Particolarmente soddisfatto di questa “giornata speciale” il commissario Firenze ha aggiunto: “Stiamo cercando ogni giorno di incentivare in tutti modi le vaccinazioni di massa e arrivare a tutti, specialmente coloro che hanno maggiori difficoltà ad aderire alla campagna”.

Nella struttura saranno presenti anche mediatori culturali per aiutate gli stranieri a compilare i moduli, assistenti sociali dell’amministrazione comunale, la coordinatrice di Messina Social City per l’area povertà Giovanna Smedile, volontari di Croce Rossa, Help Center, Comunità di Sant’Egidio, Santa Maria della Strada e Frati Francescani.

Comunicato n. 617
venerdì, 11 Giugno 2021

L’Assessore con delega alle Politiche della Salute Alessandra Calafiore ha accolto oggi a Palazzo Zanca Michail Speciale, accompagnato dal presidente provinciale Aido Messina Agostino Mallamace. L’iniziativa, promossa da AIDO Sicilia e AIDO Nazionale, prevede un percorso in bici lungo tutta la costa della Sicilia, denominato “periplo”, proprio per indicare la circumnavigazione dell’Isola.
Michail, con il triangolo rosso e le punte di AIDO sulla pettorina è partito dalla sua cittadina natale Partinico, lo scorso 7 giugno, programmando un itinerario articolato in sette tappe, di circa 150 km ciascuna, per un totale di 1100 chilometri con l’obiettivo di promuovere la donazione di organi, tessuti e cellule attraverso il linguaggio dello sport e la bellezza del territorio. L’’impresa mira anche ad aggiungere compagni di viaggio lungo il tragitto, sensibilizzando sul tema chiunque abbia voglia di percorrere con lui anche un breve tratto di strada. “A nome mio e dell’Amministrazione comunale – ha dichiarato l’Assessore Calafiore – ringrazio Michail Speciale per l’iniziativa volta a sensibilizzare la popolazione sul tema della donazione di organi, tessuti e cellule, anche in considerazione del fatto che in Sicilia non c’è un elevato numero di donatori. L’informazione e il coinvolgimento di tutti è indispensabile e in quest’ottica anche attraverso i nostri uffici comunali che hanno un ruolo fondamentale, in particolare l’ufficio Anagrafe, si cerca di sensibilizzare i cittadini dando loro la possibilità di indicare l’opzione se essere o meno donatore, al fine di trasmettere a tutti l’importanza della donazione come gesto importante che ciascuno di noi può compiere per cambiare il destino di molte vite umane. Pertanto, quando mi è stata comunicata questa lodevole iniziativa con entusiasmo ho manifestato la mia personale adesione unitamente a quella dell’Amministrazione comunale”. “L’impresa del Periplo per AIDO – ha proseguito Michail – è partita da un’idea di mio padre, da sempre impegnato nell’ambito del sociale, deceduto nel 2018, era in lista d’attesa per il trapianto di reni a causa di una complicazione della sua grave malattia renale. Oggi rendo finalmente reale questo progetto finora incompiuto”.

Al termine della visita, l’Assessore Calafiore ha donato al ciclista per AIDO il crest della Città, mentre il presidente Mallamace ha omaggiato l’Assessore con un gagliardetto dell’Associazione Italiana per la Donazione di Organi.

Comunicato n. 616
venerdì, 11 Giugno 2021

Lunedì 14, dalle ore 8.30 alle 16.30, l’AMAM eseguirà un intervento di manutenzione programmata della condotta fognaria posta in via Consolare Pompea, dove sarà vietata la sosta sul lato monte, per un tratto di 50 metri circa, compreso tra i numeri civici 1425 e 1437. Sempre da lunedì 14 sino a giovedì 17, nella fascia oraria 7 – 19, sarà effettuato un intervento di pulizia programmata delle caditoie, griglie di scolo e tombini delle acque bianche in via Palermo, tra i numeri civici 1 e 607. Pertanto vigeranno il divieto di sosta su entrambi i lati; il senso unico alternato di circolazione, per singoli tratti di lunghezza massima di 30 metri con collocazione di idonea segnaletica e con l’ausilio di movieri dotati di palette, al fine di consentire il posizionamento dei mezzi d’opera necessari all’esecuzione degli interventi, ed il limite massimo di velocita 30 km/h.

Comunicato n. 615
venerdì, 11 Giugno 2021

Domenica 13 e lunedì 14, nella fascia oraria 20-6, la Messinaservizi Bene Comune effettuerà interventi di scerbatura nel quadrilatero compreso tra le vie La Farina, viale Europa, U. Bassi e Trieste. Per consentirne l’esecuzione sarà pertanto vietata la sosta sul lato monte di via La Farina; sul lato nord di viale Europa, sul lato mare via U. Bassi, sul lato sud di via Trieste e su entrambi i lati dei tratti interclusi delle vie Trento e Natoli.

Comunicato n. 614
venerdì, 11 Giugno 2021

Lunedì 14, alle ore 15, il Consiglio comunale tornerà a riunirsi per proseguire l’attività deliberativa. All’ordine del giorno dei lavori d’Aula la ratifica della deliberazione di Giunta comunale n. 181 dello scorso 16 aprile relativa alla “Variazione urgente Bilancio di Previsione Finanziario 2021-2023 ex art. 175 TUEL”.


Appuntamenti

21 Giugno 2021 - Ore 11:30

Salone delle Bandiere

Conferenza stampa

presentazione del progetto “L’estate addosso. Messina per i giovani#puntoeacapo2021#”.

21 Giugno 2021 - Ore 18:00

Aula Consiliare

Consiglio Comunale

avvio nuova sessione
Vedi tutti gli appuntamenti