Comunicati stampa di mercoledì 20 Gennaio 2021


Comunicato n. 70
mercoledì, 20 Gennaio 2021

Il Dipartimento Affari Generali ha disposto il riordino della numerazione civica relativa all’area di circolazione denominata “via Torrente Trapani”, che va dal viale Regina Margherita, verso monte, sino a fine strada. La nuova numerazione civica é stata inserita nella piattaforma comunale (Jente) e sono stati aggiornati gli archivi anagrafici, con contestuale comunicazione telematica all’ANPR (Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente) e ai cittadini ivi residenti a mezzo posta e/o via mail. I Comuni sono tenuti periodicamente ad effettuare attività di revisione e rifacimento della numerazione civica e della toponomastica cittadina, verificando la congruenza di tale numerazione per ogni toponimo esistente e/o definito ed il rifacimento della numerazione civica é finalizzato alla reale ed attuale conoscenza del territorio comunale ed all’aggiornamento delle anagrafiche del cittadino, oltre che ai fini di una perfetta programmazione e gestione dei dati territoriali e di tutte le attività pubbliche. Il numero civico, necessario per individuare in modo univoco le singole abitazioni e attività, deve essere applicato a tutti gli accessi esterni, anche secondari, che dall’area di pubblica circolazione immettono, direttamente o indirettamente, in abitazioni, esercizi o altri edifici. Le attività di revisione della numerazione civica e della toponomastica sono obiettivi fondamentali per predisporre ed erogare in maniera puntuale ed efficiente i servizi ai cittadini (servizi postali, scolastici, di notifica, di pronto intervento, dei Vigili del Fuoco, della Protezione Civile e delle Forze dell’Ordine). L’Amministrazione comunale é impegnata da tempo nell’attività di ricognizione e riordino della toponomastica e della numerazione civica cittadina, al fine di risolvere situazioni di numerazione obsoleta, non aderente ai cambiamenti avvenuti nel corso degli anni nel tessuto urbano del Comune e non più conforme alla normativa e contestualmente procedere alla normalizzazione dell’anagrafe comunale, a seguito del subentro del Comune di Messina in ANPR — Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente.

Comunicato n. 69
mercoledì, 20 Gennaio 2021

Facendo seguito all’ordinanza vigente n. 18 dello scorso 17 gennaio, in merito alle attività sportive, si ricorda che è disposta la loro sospensione ad eccezione di quelle che sono svolte da atleti di rilevanza nazionale e/o impegnati in campionati di rilevanza nazionale, fermo restando il rispetto dei protocolli sottoscritti dalle Federazioni di appartenenza per la prevenzione del contagio da Covid-19, e la chiusura di tutti gli impianti sportivi comunali. Le Società che svolgono attività sportiva di rilevanza nazionale e che abbiano interesse alla sua prosecuzione, sono tenute a comunicare entro le ore 14 di oggi, mercoledì 20, al Dipartimento Servizi alla Persona ed alle Imprese una dichiarazione comprovante l’avvenuta iscrizione al campionato di rilevanza nazionale ed il nominativo degli atleti iscritti. L’accesso all’impianto sportivo sarà consentito solo alle società ed ai relativi atleti che abbiano presentato la richiesta. Della compilazione degli elenchi e del corretto esercizio dell’impianto verrà demandato apposito controllo alla Polizia Municipale. Si precisa che l’onere di comunicazione previsto dall’ordinanza é da intendersi rivolto agli utilizzatori di impianti sportivi comunali. Non é richiesto il reinvio a chi avesse già ottemperato con riferimento alla precedente ordinanza. Pertanto si resta in attesa di riscontro a mezzo mail al protocollo generale, e per le vie brevi alle mail istituzionali orazio.andronico@comune.messina.it e rosa.carbone@comune.messina.it. Sara opportuno per gli utilizzatori detenere presso l’impianto attestazione di avvenuto adempimento di quanto sopra, per una più celere verifica. “Le disposizioni previste dall’ordinanza sindacale in materia di attività sportive ricalcano – evidenzia l’Assessore alle Politiche Sportive Francesco Gallo – quelle contenute dalla normativa nazionale in riferimento alla zona rossa. Nessuna restrizione ulteriore è stata imposta. La comunicazione al dipartimento dei nominativi degli atleti va intesa come ulteriore garanzia per gli atleti impegnati in campionati di rilevanza nazionale, che potranno così giustificare i loro spostamenti da e verso gli impianti sportivi”.

Comunicato n. 68
mercoledì, 20 Gennaio 2021

Tre Comuni e due Camere di Commercio, invitate dall’Autorità Portuale di Sistema, si sono ritrovati ad un tavolo tecnico per discutere di piani strategici da attivare a medio e lungo termine per il rilancio del Crocierismo.
Convocati dal Presidente dell’Autority Mario Paolo Mega, erano presenti in video conferenza, oltre alla responsabile del Servizio Promozione dell’Autorità di Sistema Portuale Maria Cristiana Laurà; gli Assessori dei Comuni di Messina, al Turismo Enzo Caruso, e di Reggio Calabria Rosanna Scopelliti; il Sindaco di Milazzo Pippo Midili (con delega al Turismo), insieme ai Presidenti delle Camere di Commercio di Messina Ivo Blandina, di Reggio Calabria Antonino Tramontana, e Paola Sabella, Segretaria Generale della Camera di Messina.
Obiettivo dell’incontro, avviare un piano strategico di rilancio del Crocierismo che, a seguito della pandemia, rende necessario rivedere le canoniche modalità perseguite fino ad oggi dalle compagnie di navigazione nell’organizzazione dei tour. Da una crisi ad un’opportunità.
L’invito, del Presidente Mega, che ha citato il virtuoso percorso già messo in atto dal Comune di Messina, grazie al lavoro dell’Assessorato al Turismo, con la messa a sistema di percorsi nel centro storico ed escursioni nell’hinterland messinese, è quello di creare un protocollo tra amministrazioni, operatori e agenzie marittime per una peculiare offerta culturale-turistica rivolta ai passeggerei che sbarcano, condivisa con le Camere di Commercio e le attività produttive del territorio.
In prospettiva di una nuova rimodulazione delle visite e delle escursioni a terra, sarà possibile chiedere alla Compagnie di navigazione soste più lunghe nei porti, anche serali, per i loro passeggeri, con la partecipazione ad eventi culturali programmati e l’accoglienza negli esercizi commerciali.
Sentita la piena disponibilità e i contributi degli intervenuti, l’incontro si è concluso con l’impegno di lavorare sin da subito ad una programmazione progettuale, finalizzata alla formazione all’accoglienza del personale e ad una serie di servizi di qualità da offrire a coloro che sceglieranno di viaggiare per nave, conoscendo già di potere godere delle peculiarità delle città che visiteranno, anche attraverso mezzi di trasporto capaci di garantire una mobilità veloce verso le eccellenze della provincia, tra le quali Milazzo e il suo comprensorio.
“Lo Stretto, come unicum dal punto di vista storico e ambientale – dichiara l’Assessore Caruso – capace di creare sistema e sinergia tra istituzioni e operatori di settore, a beneficio delle comunità, dell’economia, della promozione dei territori. Immaginare…si può!”.

Comunicato n. 67
mercoledì, 20 Gennaio 2021

Convocato dal Comune di Messina su richiesta dell’Ance Messina, alla presenza degli Assessori, con Delega Covid Dafne Musolino; ai Lavori Pubblici Salvatore Mondello; alla Protezione Civile Massimiliano Minutoli; e alla Pianificazione ed Efficientamento delle Risorse Idriche ed Energetiche Francesco Caminiti, si è tenuto nel pomeriggio di ieri, martedì 19, un Tavolo Tecnico per l’esame degli aspetti attuativi dell’Ordinanza Sindacale n. 18 del 17 gennaio 2021, in merito all’edilizia privata. All’incontro, hanno preso parte il Presidente Provinciale Ance Ricciardello; il Vice Presidente Lupò; il Direttore Mangiapane dei componenti il Gruppo Costruttori Franza, Bonfiglio e Alberti. Nel corso del confronto, ampio, articolato e costruttivo, premesso che, con O.S. n. 18/2021, art. 7, comma 4, “A decorrere da mercoledì 20 gennaio 2021 è sospesa l’attività inerente gli interventi di edilizia privata, che può proseguire solo per garantire gli interventi improcrastinabili di messa in sicurezza e di completamento di opere di cui sia stata disposta l’esecuzione con urgenza mediante atto amministrativo e/o giudiziario“, l’Amministrazione ha ribadito che nell’Ordinanza è stata già prevista la facoltà di operare in deroga alla disposta sospensione (che ha efficacia fino al 29 gennaio 2021) per l’esecuzione di tutte quelle attività di edilizia privata che presentino il carattere dell’urgenza o dell’indifferibilità o che, ancora, debbano essere realizzate in esecuzione di un provvedimento dell’Autorità Giudiziaria o Amministrativa.
Oltre a tale facoltà, le parti hanno convenuto che nei casi in cui ricorrano particolari motivi per i quali non si possa rispettare la sospensione dei lavori senza andare in pregiudizio alla lavorazione stessa o per la necessità di rispettare termini indifferibili derivanti da finanziamenti europei o nazionali o regionali, il Comune di Messina rilascerà apposito provvedimento di autorizzazione alla prosecuzione delle attività, in deroga a quanto disposto con la Ordinanza Sindacale n. 18 del 17 gennaio 2021.
Per la richiesta di deroga dovrà essere trasmessa una domanda alla mail dedicata
bastacovid@comune.messina.it indicando nell’oggetto: EDILIZIA – ISTANZA DEROGA.
Nell’istanza, oltre alla motivazione della richiesta di deroga, dovranno essere indicati i seguenti elementi:
– la località dove ha sede il cantiere,
– il provvedimento autorizzativo dell’opera,
– il nominativo del Direttore dei Lavori.
Inoltre è necessario allegare il Piano di Sicurezza anti Covid, redatto secondo le Linee Guida dell’Allegato Protocollo n. 13 del DPCM 14 gennaio 2021.
Infine, la domanda dovrà essere trasmessa anche all’Ispettorato del Lavoro per i profili di competenza.
Il Comune valuterà le istanze presentate e, ricorrendo i presupposti, autorizzerà la continuazione dell’attività che potrà svolgersi nella fascia oraria dalle ore 7 alle 13.
L’incontro si è concluso con la reciproca soddisfazione delle parti per avere individuato una soluzione che, pur nel rispetto della iniziativa economica privata, ha confermato la condivisione della scelta dell’Amministrazione di anteporre la tutela della salute pubblica ad ogni altra legittima richiesta, nella consapevolezza che l’attuale sacrificio si impone quale misura necessaria per contrastare efficacemente il contagio da Covid-19, che ha consacrato la città di Messina come la città con il tasso di incidenza del contagio più alto d’Italia.