Comunicati stampa di mercoledì 28 Aprile 2021


Comunicato n. 445
mercoledì, 28 Aprile 2021

Nella giornata odierna, dopo un lungo e proficuo confronto, è stata siglata l’ipotesi di accordo di secondo livello tra l’ATM S.p.A. e le Organizzazioni Sindacali. Il contratto verrà sottoposto a referendum dei lavoratori entro il prossimo mercoledì 5 maggio 2021. Saranno infatti proprio i lavoratori ad avere l’ultima parola sull’entrata in vigore dell’accordo. “E’ motivo di grande soddisfazione – dichiara l’Assessore con delega ai Rapporti con ATM Francesco Gallo – vedere giunto al termine un iter lungo e complesso, che oggi ha portato alla definizione di un accordo di secondo livello figlio di un costruttivo avvicinamento tra le esigenze e le ambizioni dell’Azienda ed i suggerimenti che le Organizzazioni Sindacali hanno progressivamente rappresentato”. “Siamo molto contenti – aggiunge il Presidente di ATM Giuseppe Campagna – che si sia raggiunto un accordo tra l’Azienda e le Organizzazioni Sindacali che certamente racchiude in sé i principi di meritocrazia ed equilibrio che lo hanno ispirato ed allo stesso tempo valorizza l’impegno profuso quotidianamente dai lavoratori. Saranno i lavoratori – conclude Campagna – a dare il via libera all’accordo pronunciandosi sullo stesso con il referendum aziendale, rispetto al quale attendiamo con ottimismo l’esito, convinti della bontà dell’accordo siglato con le Organizzazioni Sindacali. L’accordo di secondo livello consta di una parte normativa che incentiva l’impegno del dipendente e di un sistema premiante basato sulle performance aziendali e del singolo lavoratore, compatibilmente con gli obiettivi che ATM ha fatto propri con l’adozione di un ambizioso piano industriale, al fine di migliorare costantemente i livelli di qualità ed efficienza dei servizi offerti”.

Comunicato n. 444
mercoledì, 28 Aprile 2021

Una pregiata pergamena, donata al Commissario Governativo per la ricostruzione di Messina dai suoi collaboratori, datata 1925, è stata inviata da un suo discendente, il dott. Cesare Cagli, abitante a Roma, all’indirizzo del Sindaco Cateno De Luca e dell’Assessore alla Cultura Enzo Caruso per essere acquisita e custodita presso l’Archivio Storico “Nitto Scaglione” del Comune di Messina.
La pergamena, custodita per tutto questo tempo dal pronipote che vive a Roma, è finemente dipinta a mano con immagini riferite alle Fontane di Orione e del Nettuno e ad una pregevole visione del porto di Messina e riporta la dedica dettata dal Senatore Fulci e le firme autografe dei collaboratori di Cesare Cagli, omonimo del donatore:
“Al Grand’Ufficiale Cesare Cagli, della ricostruzione della gloriosa Città distrutta, assertore sapiente dell’alta missione, entusiasta, nel lavoro indefesso, infaticabile, nei metodi geniale. I suoi collaboratori dell’Unione Edilizia Nazionale Sede di Messina che lo ebbero Capo, con severità paterna, con austerità affettuosa, moderatore maestro, per ricordo reverente di gratitudine affettuosa. 22 Dicembre 1925. Detto il Senatore Fulci”.
“Non possiamo che essere grati – dichiara l’Assessore Caruso, anche a nome del Sindaco De Luca – per il pregiato dono e l’attenzione che il dott. Cagli ha voluto riservare alla nostra Città con questo importante documento relativo alla storia della ricostruzione post-terremoto, che si aggiunge ad altra preziosa documentazione recentemente riportata alla luce e che potrà essere fruita da coloro che vorranno ammirarla presso il nostro Archivio Storico, sito al Palacultura Antonello”.

Comunicato n. 443
mercoledì, 28 Aprile 2021

Domani, giovedì 29, alle ore 16, il Consiglio comunale si riunirà in seduta straordinaria urgente per proseguire l’attività deliberativa. I lavori d’Aula prevedono la trattazione di sedici proposte di delibera relative al riconoscimento di debiti fuori bilancio.

Comunicato n. 442
mercoledì, 28 Aprile 2021

Sopralluogo oggi dell’Assessore all’Arredo Urbano Massimiliano Minutoli a Santo Stefano Medio, dove la ditta Metalco ha ricevuto l’ordine di servizio di montare giochi per bambini all’interno di un’area nelle adiacenze della chiesa di Santo Stefano. “Recandomi sul posto – spiega l’Assessore Minutoli – ho verificato che lo stato dei luoghi non è in perfetta sicurezza, disponendo la sospensione dei lavori di montaggio dei giochi. Risulta infatti indispensabile prima di tutto provvedere alla messa in sicurezza dell’area e in tal senso ho incaricato i responsabili del Dipartimento Servizi Tecnici e l’esperto agronomo del Comune Saverio Tignino di contattare la Messina Servizi Bene Comune al fine di valutare congiuntamente gli interventi necessari al ripristino delle condizioni di sicurezza indispensabili per poi procedere al montaggio dei giochi. Sarà concordato quindi un nuovo cronoprogramma in sostituzione di quello precedentemente predisposto”.

Comunicato n. 441
mercoledì, 28 Aprile 2021

Presenti gli Assessori alla Cultura Enzo Caruso e alla Pubblica Istruzione Laura Tringali, e l’Esperto comunale di Arte Contemporanea Alex Caminiti, lunedì 3 maggio, alle ore 11, nel Transatlantico di Palazzo Zanca sarà esposta “Via della Verità”, le nuove creazioni del gruppo Gas collettivo d’arte indipendente con il contributo di un nuovo elemento, la messinese Aurora Previti. L’esposizione, aperta al pubblico secondo le norme anti Covid 19, si basa sulle forme animali che hanno contraddistinto alcuni stili di combattimento. Ogni atleta del Kyokushinkai infatti ha una struttura sia fisica che mentale e gli viene conferito un alterego animale; si gioca su dieci immagini fantastiche che rappresentano in maniera pop lo stile del Kyokushin Karate (“Via della verità” o “Verità assoluta” – Kyokushinkai significa letteralmente “Associazione per l’estrema verità”). Si tratta di uno stile di karate fondato dal maestro Masutatsu Ōyama ufficialmente nel 1961 in occasione dell’apertura di un dojo a Los Angeles, sebbene Oyama fosse noto anche fuori dei confini del Giappone, e in particolare negli Stati Uniti, già dagli anni cinquanta. Ispirato al Confucianesimo e alla filosofia Zen, questo stile di Karate rappresenta la sintesi delle esperienze del maestro Oyama, che sin da giovanissimo si è dedicato alle arti marziali praticando il Judo e il pugilato. Determinante per la sua formazione la frequentazione del dojo di Gichin Funakoshi, futuro fondatore del Karate Shotokan, presso l’Università Takushoku, dove inizia a studiare con dedizione il Karate di Okinawa. Tra le esperienze del fondatore del Kyokushinkai il biennio nella Butokukai, l’accademia formativa dell’Arma Imperiale Giapponese specializzata in guerriglia, spionaggio e combattimento a mani nude. Lo stile Kyokushin si basa su una severa disciplina e un allenamento particolarmente rigoroso anche perché in gara si prevede il contatto pieno e nessuna protezione, pur essendo vietati i pugni al volto. I gradi di abilità sono distinti con vari colori delle cinture che gli allievi indossando su una divisa, rigorosamente bianca, e sono nell’ordine bianco, arancione, blu, giallo, verde, marrone e nero. L’Associazione IKO (IKO1) “International Karate Organization” ha sede a Tokyo; al vertice dell’organizzazione Kancho Shokei Matsui, che ha sostituito Sosai Mas Oyama dopo la sua morte. L’organizzazione risulta comunque divisa perché altri illustri allievi ritengono di essere i veri eredi dello stile di Oyama.