Comunicato n. 536
giovedì, 28 Maggio 2020

Consegnati oggi i lavori per la messa in sicurezza dell’Istituto Mazzini Gallo

Il Vice Sindaco Salvatore Mondello ha reso noto che stamani sono stati consegnati i lavori per la messa in sicurezza dell’Istituto Mazzini Gallo in via Natoli, alla presenza del RUP Arch. R. Antonuccio, del Direttore dei Lavori Arch. G. Rizzo, della Dirigente Scolastica M. Ausilia Di Benedetto (Mazzini Gallo) e del Responsabile per la Sicurezza dell’Istituto Caio Duilio, Ing. P. Crescenti. Presente anche la nuova impresa aggiudicataria, che subentra alla precedente, rivelatasi inadempiente e sostituita grazie al costante impegno del RUP e dell’Amministrazione comunale, che ha messo fine ad una vicenda complessa e tormentata. Nel corso dell’incontro sono stati analizzati dettagliatamente tutti gli interventi da eseguire; si è discusso sulle tipologie di materiali da utilizzare e soprattutto sul cronoprogramma dei lavori, che la ditta si è impegnata ad eseguire senza ulteriori ritardi o intralci sulla programmazione didattica. Il Vice Sindaco Mondello si è assicurato che tutto possa procedere con le opportune cautele, in linea con le attuali normative in materia di COVID e nel rispetto della tempistica pattuita, per scongiurare ulteriori disfunzioni nelle attività scolastiche ma soprattutto nella garanzia di un Istituto all’avanguardia in termini di sicurezza e di logistica.
Oggi è stata segnata una tappa importante per la scuola messinese, un progresso che evidenzia, ancora una volta, l’attenzione posta dall’Amministrazione al tema della sicurezza in ambito di Edilizia Scolastica, che da decenni sconta ritardi e inadempienze, che hanno reso fortemente precario il patrimonio immobiliare comunale. “La sicurezza dei nostri ragazzi è un punto fondamentale per questa Amministrazione – ha dichiarato il Vice Sindaco. La comunità scolastica ha il diritto di operare in condizioni ottimali e a questo fine sarà costante l’impegno a reperire nuovi fondi, ad accelerare iter burocratici, rimuovendo le criticità che per troppi anni hanno caratterizzato il settore”.