Comunicato n. 184
martedì, 23 Febbraio 2021

Da domani, mercoledì 24, prenderà il via “giornaliAMO Messina”, progetto gratuito ideato e realizzato dall’associazione culturale EnjoySicily, in collaborazione con l’Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Messina. Il progetto, che prevede la creazione di un mensile online legato all’Europa ed alle opportunità europee con contenuti di attualità a carattere informativo e di sensibilizzazione dei più giovani, come comunicato dall’Assessore Laura Tringali, sarà distribuito a tutte le scuole secondarie superiori della città. “Con questa iniziativa – sottolinea il presidente di EnjoySicily Tiziana Angela Versace – cerchiamo di coinvolgere i ragazzi nelle opportunità che l’UE ci offre, sensibilizzarli le tematiche di attualità e coinvolgerli nel progetto editoriale. L’associazione infatti, è sempre alla ricerca di volontari per ampliare i contenuti del mensile”.

Comunicato n. 183
martedì, 23 Febbraio 2021

Al fine di completare gli interventi attualmente in corso lungo la via Maregrosso, nell’ambito dei “lavori di realizzazione strada di collegamento viale Gazzi e approdo FS per via Don Blasco”, sono stati adottati provvedimenti viari. Da giovedì 25 sino al 6 marzo, vigeranno i divieti di sosta 0-24 su entrambi i lati delle vie: Maregrosso, nel tratto compreso tra le vie Alessandria e Maregrosso; Rovigo, tra le vie San Cosimo e Liguria; Marche, tra la vie Rovigo e Maregrosso; Alessandria, tra le vie S. Cosimo e Marche; Liguria, tra le vie Rovigo e Maregrosso; e Maregrosso, per un tratto di 30 metri a nord ed a sud dell’intersezione con via S. Cosimo. Sarà inoltre vietato il transito veicolare in via S. Cosimo, nel tratto compreso tra le vie Alessandria e Maregrosso, provvedendo a deviare il transito degli autobus e dei veicoli con massa a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate provenienti da via San Cosimo, direzione di marcia monte-mare, attraverso la vie Rovigo e Marche; collocata la segnaletica stradale verticale di preavviso di strada chiusa al transito in via San Cosimo, ad intersezione con via Bologna; per gli autobus e per i veicoli con massa a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate, sono istituite le direzioni: obbligatoria a destra, in via S. Cosimo, direzione di marcia monte-mare, in corrispondenza dell’intersezione con via Rovigo; obbligatoria diritto, in via Rovigo, direzione di marcia nord-sud, ad intersezione con via Vercelli; obbligatoria diritto, in via Maregrosso, direzione di marcia nord-sud, ad intersezione con via Marche; obbligatoria a destra, in via Maregrosso, direzione di marcia nord-sud, ad intersezione con via Liguria; obbligatoria a destra, in via Liguria, direzione di marcia mare-monte, ad intersezione con via Rovigo; ed obbligatoria diritto, in via Liguria, direzione di marcia mare-monte, ad intersezione con via Alessandria. Vigeranno infine, il divieto di transito veicolare nella semicarreggiata lato monte di via Maregrosso, per un tratto di 30 metri a nord ed a sud dell’intersezione con via San Cosimo, garantendolo, in sicurezza, a senso unico alternato nella semicarreggiata lato mare; il senso unico alternato nella semicarreggiata lato mare di via Maregrosso, per un tratto di 30 metri a nord ed a sud dell’intersezione con via San Cosimo, con precedenza per i veicoli in direzione di marcia sud-nord e regolamentazione per mezzo di collocazione di idonea segnaletica stradale; ed il limite di velocita massimo di 30 km/h nelle vie S. Cosimo, tra le vie Bologna e Alessandria; Maregrosso, per un tratto di 80 metri a sud ed a nord dell’intersezione con via S. Cosimo; Rovigo, nel tratto compreso tra le vie S.. Cosimo e Liguria; Marche, tra le vie Bologna e Maregrosso; e Liguria, tra le vie Bologna e Maregrosso.

Comunicato n. 182
martedì, 23 Febbraio 2021

Da giovedì 25 sino all’11 marzo saranno effettuati interventi di manutenzione straordinaria della pavimentazione stradale nell’area di intersezione viale Gazzi/via Ammannato, vie Ammannato, Bette, Amedeo, Altomonte, Bisazza, Bombara, Brandino, Bucalo, Arrosto, Consolare Valeria e Drago Faranda, nell’ambito dei “lavori di riqualificazione della pavimentazione di alcune strade ricadenti nei quadrilateri viale Boccetta – via R. Margherita – viale Giostra – via Garibaldi; viale Boccetta – corso Cavour – via S. Agostino – via XXIV Maggio; viale Gazzi – via U. Bonino – via Bonsignore – via Acireale”. Pertanto nella fascia oraria 7.30 – 17.30, giovedì 25 e venerdì 26, sarà vietato il transito veicolare per semicarreggiata in entrambe le carreggiate di viale Gazzi, in corrispondenza dell’intersezione con via Ammannato, garantendone la continuità in entrambi i sensi di marcia nella semicarreggiata di volta in volta interessata dai lavori ed in sicurezza l’attraversamento veicolare dell’area di intersezione; istituito inoltre il limite massimo di velocità 30 km/h in entrambi i sensi di marcia di viale Gazzi, per un tratto di 60 metri a valle ed a monte dell’intersezione con via Ammannato.
Sempre nella stessa fascia oraria, vigeranno divieti di sosta su entrambi i lati e di transito veicolare:
da venerdì 26 sino al 1° marzo, in via Ammannato, nel tratto compreso tra viale Gazzi e via D. Faranda;
dal 1° al 4 marzo, nelle vie Bette, Amedeo e Altomonte;
dal 4 all’8 marzo, nelle vie Bisazza, Bombara e Brandino;
dall’8 all’11 marzo, nelle vie Bucalo, Arrosto, Consolare Valeria, nel tratto compreso tra via Vecchia Comunale e viale Gazzi, ed in via D. Faranda.
Sarà garantito l’attraversamento veicolare in corrispondenza delle intersezioni stradali.

Comunicato n. 181
martedì, 23 Febbraio 2021

Con una nota indirizzata al Sindaco Cateno De Luca, il Condirettore Generale di Poste Italiane Giuseppe Lasco ha comunicato che a seguito dell’Ordinanza n.740 del 12 febbraio 2021 del Capo Dipartimento della Protezione Civile, anche per marzo e aprile, come già effettuato per i mesi precedenti, sarà previsto l’anticipo dei termini di pagamento dei ratei pensionistici. A tal fine, Poste Italiane continuerà ad organizzare l’attività della rete a tutela della sicurezza dei propri clienti e dipendenti per garantire l’accesso scaglionato e contingentato degli utenti che desidereranno ritirare presso gli Uffici Postali la pensione e andare così incontro alle esigenze delle persone più fragili. In particolare, per i mesi di marzo e aprile, l’anticipo delle riscossioni avverrà rispettivamente da oggi, martedì 23 febbraio al 1 marzo 2021 e dal 26 marzo al 1 aprile 2021.
Di seguito il dettaglio dei calendari, con la suddivisione alfabetica dei cognomi:

Per gli Uffici Postali aperti 6 giorni:

MARZO 2021
da A a B martedì 23 febbraio
da C a D mercoledì 24 febbraio
da E a K giovedì 25 febbraio
da L a O venerdì 26 febbraio
da P a R sabato mattina 27febbraio
da S a Z lunedì 1 marzo

APRILE 2021
da A a B venerdì 26 marzo
da C a D sabato mattina 27marzo
da E a K lunedì 29 marzo
da L a O martedì 30 marzo
da P a R mercoledì 3l marzo
da S a Z giovedì 1 aprile

Nel caso di Uffici Postali non aperti su 6 giorni :
Apertura su 5 giorni:
da A a C giorno 1
da D a G giorno 2
da H a M giorno 3
da N a R giorno 4
da S a Z giorno 5
Apertura su 4 giorni:
da A a C giorno 1
da D a K giorno 2
da L a P giorno 3
da Q a Z giorno 4
Apertura su 3 giorni:
da A a D giorno 1
da E a O giorno 2
da P a Z giorno 3
Apertura su 2 giorni:
da A a K giorno 1
da L a Z giorno 2

La lista degli Uffici abilitati al pagamento delle pensioni e relative informazioni sulle giornate di apertura sono disponibili anche sul sito aziendale www.poste.it e al numero verde 800.00.33.22. Inoltre, a seguito della convenzione, ancora in vigore, stipulata tra Poste Italiane e l’Arma dei Carabinieri, i pensionati di tutto il Paese di età pari o superiore a 75 anni che, percepiscono prestazioni previdenziali presso gli Uffici Postali e che riscuotono normalmente la pensione in contanti possono richiedere, delegando al ritiro i Carabinieri, la consegna della pensione a domicilio per tutta la durata dell’emergenza sanitaria.
Infine, nei siti più critici in termini di potenziale afflusso della clientela, saranno previsti servizi di sorveglianza al di fuori delle sedi postali per regolare i flussi di accesso ed evitare assembramenti, come effettuato nei mesi precedenti, grazie alla già avviata proficua collaborazione istituzionale, come sottolineato dal Condirettore Generale.

Comunicato n. 180
lunedì, 22 Febbraio 2021

Il Sindaco Cateno De Luca nell’accogliere l’invito che il Presidente dell’Anci Antonio Decaro ha rivolto a tutti i Sindaci italiani ha proclamato per oggi, martedì 23, l’esposizione delle bandiere del Palazzo Municipale a mezz’asta in segno di cordoglio per la brutale esecuzione dell’ambasciatore italiano nella Repubblica democratica del Congo, Luca Attanasio, di Vittorio Iacovacci, il carabiniere della sua scorta, e di Mustapha Milambo, l’autista che li accompagnava, che ha lasciato sgomenti tutti gli italiani. “È a nome di tutti gli italiani, per onorare la memoria di questi uomini e il lutto che ha colpito le loro famiglie, che chiedo a tutti i Sindaci italiani – invita il Presidente Decaro – di esporre le bandiera a mezz’asta, domani. Sull’esempio di quanto deciso dal Sindaco di Limbiate, il Comune in cui Attanasio era nato, e associandoci all’intenzione di tutti i rappresentanti delle istituzioni nazionali, manifestiamo insieme, come un’unica comunità, la nostra partecipazione alle famiglie che hanno perso i loro cari e la nostra appartenenza al Paese del quale Attanasio e Iacovacci erano leali servitori”.

Comunicato n. 179
lunedì, 22 Febbraio 2021

Da oggi sino a venerdì 26, saranno effettuati lavori di manutenzione urgente della pavimentazione stradale nella rampa di uscita, lato nord, della strada di collegamento (galleria S. Jachiddu e relative bretelle) tra i viali Giostra e Annunziata, che consente ai veicoli che provengono dal viale Giostra di immettersi nel viale Annunziata in direzione valle. Al fine di consentirne l’esecuzione, nella rampa di uscita lato nord sarà pertanto interdetto il transito veicolare e consentito ai veicoli di utilizzare l’attuale rampa che permette l’immissione nel viale Annunziata in direzione monte, per immettersi anche in direzione valle, provvedendo a modificare l’esistente segnaletica stradale.

Comunicato n. 178
lunedì, 22 Febbraio 2021

Sono stati prorogati al 10 marzo i divieti di sosta 0-24 in alcuni tratti di viale Italia, via Noviziato e via Noviziato Casazza, disposti al fine di consentire l’esecuzione di indagini geologiche e geotecniche propedeutiche alla redazione del progetto esecutivo, relativo agli interventi di “Sistemazione dell’area di frana compresa tra via Noviziato Casazza – via Sciva e viale Italia”.

Comunicato n. 177
lunedì, 22 Febbraio 2021

Nel corso della I Commissione consiliare Viabilità e Lavori Pubblici, presieduta dal Consigliere comunale Libero Gioveni, è stata illustrata stamani la bozza progettuale per la realizzazione della nuova pista ciclabile urbana, alla presenza del Dirigente del Dipartimento Servizi Territoriali ed Urbanistici Antonio Cardia, del responsabile del servizio Viabilità Bruno Bringheli e del rappresentante dell’ACSI Ciclismo Messina Giuseppe Mafali. “Al netto della pista che prolungherà quella attuale della litoranea fino a Capo Peloro finanziata con i fondi del PON Metro (5 milioni di euro) e dell’Agenda Urbana (900.000 euro) – spiega il Presidente Gioveni – l’idea di progetto per quella urbana mirata a migliorare l’esistente e a realizzarne una nuova che giunga fino a villa Dante passando anche dal viale San Martino e via Primo Settembre, è stata finanziata invece dal MIT con un decreto di finanziamento di 1 milione e 206 mila euro, con l’obiettivo di realizzarla entro il mese di agosto 2022. Diventa quindi parecchio urgente – prosegue Gioveni – presentare il progetto esecutivo per non rischiare di perdere il finanziamento, non prima di aver avuto però, come specificato dal Dirigente Cardia, il nulla osta definitivo con un atto di Giunta per la necessaria condivisione politica. Sulla bontà del progetto e sulla necessità di dotare la nostra città di un’efficiente, sicura e funzionale pista ciclabile, al pari di tante altre città italiane, è intervenuto Giuseppe Mafali, rappresentante provinciale dell’ACSI Ciclismo, manifestando apprezzamento per l’iniziativa, augurandosi che l’iter progettuale si concluda in tempi brevi. La Commissione quindi – conclude il Presidente – si è determinata nel riaggiornare i lavori sullo stesso importante argomento una volta approvato il progetto esecutivo”.

Comunicato n. 176
sabato, 20 Febbraio 2021

Non possiamo che indignarci leggendo un articolo che strumentalmente rievoca una lettera che due anni fa un gruppo di donne avevano indirizzato alla stampa in merito alla campagna anti-prostituzione che la Polizia Municipale portava avanti, nella quale sostenevano che dietro la pubblicazione delle immagini di quanto rinvenuto in quelle case d’appuntamento, vi sarebbe una visione misogina, bigotta, e patriarcale di Cateno De Luca“.
E’ quanto scrive in una nota congiunta la quota delle donne in seno all’Amministrazione del Sindaco Cateno De Luca, nell’ordine: il Vicesindaco Carlotta Previti con delega al Bilancio e Finanziamenti Europei; gli Assessori Dafne Musolino all’Ambiente, Alessandra Calafiore alle Politiche Sociali, e Laura Tringali alla Pubblica Istruzione; il Segretario Generale Rossana Carrubba; Mariagrazia Interdonato componente CdA Messinaservizi Bene Comune; Loredana Bonasera Presidente CdA Amam; Patrizia Rizzo componente CdA Patrimonio SpA e Presidente del Comitato Pari Opportunità nonché Referente per le Pari Opportunità della camera Penale di Messina Erasmo da Rotterdam; Alessia Giorgianni componente CdA A.ris.Mé; Loredana Pagano componente CdA ATM SpA; Valeria Asquini Presidente Messina Social City; Simona Romano componente CdA Messina Social City; Annamaria Paparone Revisore dei Conti del Comune di Messina e della Messina Social City; Rita Bilello Componente Collegio Sindacale AMAM; Maria Eugenia Orlando Componente Collegio Sindacale Messinaservizi e Presidente del Collegio Sindacale di ATM SpA; Margherita Milazzo Revisore dei Conti A.ris.Mé; e Angela Bertino Componente Collegio Sindacale Patrimonio SpA.
Riteniamo inaccettabile l’associazione di idee secondo la quale la documentazione e pubblicazione delle operazioni di ordine pubblico mediante immagini degli oggetti e del denaro costituirebbe una forma di violenza definita ‘simbolica’ perpetrata dal nostro Sindaco. Questa Amministrazione ha incentrato tutta la propria azione su un canone di trasparenza e di testimonianza immediata e diretta, anche mediante immagini, di ciò che quotidianamente viene portato avanti nell’interesse della collettività. Non vi è alcuna differenza tra le immagini relative ai controlli sulla ‘movida’ nei locali notturni, dove compaiono decine di bottiglie sui tavolini o rovesciate a terra nelle discoteche, o le immagini della merce oggetto di provvedimenti di sequestro nei confronti dei venditori abusivi e la merce sequestrata nelle case di appuntamento. In tutti questi casi, le immagini documentano ciò che era stato rinvenuto, in modo oggettivo e realistico al fine di squarciare quel velo di ipocrita perbenismo, per il quale tutti in città sapevano che nei locali notturni si somministrava alcol ai minorenni, e che in molti appartamenti, vi si possono trovare ragazzine spesso minorenni che non praticano una sessualità libera e disinibita, ma che si trovano in uno stato di difficoltà materiale o psicologica e di sfruttamento. Cateno De Luca non è un Sindaco maschilista e patriarcale o misogino e grezzo – continuano il Vicesindaco e le Assessore insieme al resto delle donne di dell’Amministrazione De Luca – perché non lo è prima di tutto come uomo prima ancora di personaggio pubblico. Se fosse stato misogino Cateno De Luca non avrebbe mai avviato la sua azione di governo amministrativo con una Giunta tra le più rose d’Italia affidando alle donne deleghe di peso come i finanziamenti europei, il bilancio, l’ambiente, le politiche sociali, la pubblica istruzione; se fosse stato patriarcale non avrebbe affidato a due donne la presidenza rispettivamente di Messina Social City e Amam Spa (tra le società partecipate più importanti), se fosse stato patriarcale non avrebbe scelto una donna come Segretario Generale. Dopo due anni e mezzo possiamo testimoniare che ci troviamo di fronte un Sindaco rivoluzionario, affascinato dalla capacità delle donne di cogliere le più impercettibili sfumature dei problemi sapendo scegliere con celerità la soluzione più opportuna. Un amministratore pubblico che ha dato sostanza al concetto virtuale di parità di genere perché ha saputo rimuovere ogni ostacolo strutturale che da sempre impedisce alle donne un accesso paritario, garantendoci sin dall’inizio un’ampia flessibilità nella gestione dell’orario di lavoro ognuna di noi è riuscita a conciliare gli innumerevoli impegni di lavoro con gli impegni familiari (famiglia, figli, genitori anziani da accudire) e siamo riuscite a dedicare al lavoro le stesse energie mentali dei nostri colleghi uomini. Non era semplice in un ambiente di lavoro atavicamente dominato da orari e ritmi maschili. Cateno De Luca ci è riuscito dandoci quella serenità che ha permesso una costante crescita partecipativa femminile nei processi decisionali di governo della res pubblica. Non era facile. E non è proprio da uomo grezzo e maschilista esserci riusciti. In questa Amministrazione la verità è che tutti sono considerati alla stessa maniera che siano uomini o donne ed è questa la vera rivoluzione. Noi donne abbiamo un ruolo e delle responsabilità sempre crescenti commisurate alle capacità dimostrate sul campo, abbiamo piena fiducia, e mai mai nessuno sconto. E mai dovrà esserci perché siamo capaci sempre di fronteggiare qualsiasi avversità. Non siamo il sesso debole in questa Amministrazione. Siamo una costanza attiva e probabilmente il vero punto di forza e l’orgoglio di questo Sindaco. E noi tutte siamo ben lontane da questo falso moralismo di chi rivendica un uso libero associando la prostituzione alla libertà di espressione. Noi sottoscritte

– conclude la nota – saremo sempre al fianco di un Sindaco che tenterà fino all’ultimo di scardinare ogni forma di moralismo becero e falso perbenismo in una città dove un gruppo di donne si indigna più per le foto degli oggetti sequestrati in una casa di appuntamenti che per la violenza perpetrata sui corpi sfruttati di donne segnate per sempre da esseri maschilisti, misogini e grezzi”.

Comunicato n. 175
venerdì, 19 Febbraio 2021

Con decreto n. 7 del 19 febbraio 2021, il Sindaco Cateno De Luca ha nominato il Commissario Gaetano La Mazza esperto del Comune, a titolo gratuito, in materia di Gestione degli Eventi della grande Viabilità. “Avvalersi della consulenza professionale del Commissario La Mazza, andato in quiescenza a marzo dello scorso anno 2020 – evidenzia il Sindaco De Luca – che per oltre quarant’anni è stato al servizio della Città, distinguendosi quale uomo instancabile in un’attività svolta per strada a contatto con la collettività e per la collettività, rappresenta una ulteriore continuità del suo impegno. Ritengo che metterà a servizio del territorio le sue riconosciute competenze al fine di fornire specifica assistenza per supportare l’attività relativa alla progettazione, all’organizzazione, al coordinamento e alla programmazione di manifestazioni pubbliche di carattere culturale, sportive, turistico nonché di grandi Eventi, per promuovere l’immagine e l’identità della Città di Messina”.