Comunicato n. 1467
giovedì, 25 Ottobre 2018

VIA DON BLASCO: SIGLATO OGGI L’ATTO DI CESSIONE PICCOLA VELOCITÀ – SCALO MERCI


Oggi, giovedì 25, nello studio del notaio Salvatore Santoro, il dirigente del dipartimento Patrimonio Calogero Ferlisi e la dott.ssa Anna Maria Giammanco di RFI hanno firmato l’atto di cessione delle aree di proprietà di RFI, Scalo Merci – piccola velocità, nel tratto tra via Santa Cecilia e viale Europa, relativo al progetto della via Don Blasco. Al successivo incontro nella Sala Falcone Borsellino di Palazzo Zanca hanno partecipato il vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici Salvatore Mondello, il vicesegretario generale Giovanni Bruno, il direttore dei lavori Antonio Rizzo insieme al componente dell’ufficio Giovanni Rizzo, il RUP dell’opera Silvana Mondello ed Ettore Giangalivigni di RFI. La stipula del documento in questione nasce da un accordo sottoscritto l’1 giugno del 2013 tra Comune di Messina, Regione Siciliana, RFI, FS Sistemi Urbani e Autorità Portuale. L’area è di 13.039 mq., mentre l’importo è di un milione 449mila euro. Il sindaco Cateno De Luca ha dichiarato di essere “ampiamente soddisfatto del lavoro che si sta portando avanti. Ricordo che da quando ci siamo insediati le questioni che hanno riguardato la via Don Blasco sono la valutazione ambientale e alcune criticità riscontrate dal Genio Civile, che si stanno superando. Un’altra problematica era quella di non avere ancora all’interno delle proprie disponibilità le aree che facevano parte integrante della strada. Indubbiamente il percorso da seguire è quello di intessere, attraverso un metodo condiviso, giorno dopo giorno un’attività che miri a risolvere le questioni in maniera definitiva e veloce”. “Un altro importante tassello è stato posto oggi in quella che rappresenta la complessa vicenda per la realizzazione di via Don Blasco – ha evidenziato il Vicesindaco -. Nella giornata odierna si è concretizzato l’atto formale per la cessione di aree dell’ex Ferrovia dello Stato per piccola velocità che consente di entrare in possesso di tali aree che sono assolutamente complementari per lo sviluppo della zona di via Don Blasco. Una dopo l’altra – ha concluso Mondello – stiamo cercando di risolvere tutte le questioni rimaste sospese e che avevano rappresentato uno stop a quella che oggi è senza dubbio un’arteria importantissima per lo sviluppo e gli scenari futuri della città di Messina”.